Test - drmilitelloantonino

Vai ai contenuti

Menu principale:

Apparecchiature e Test

TEST GENETICI ALIMENTARI


DNA EXPLORER

E’ un test di nuova generazione finalizzato alla ricerca dell’alimentazione più specifica per la persona mediante l’individuazione delle varianti genetiche coinvolte nel metabolismo dei lipidi (grassi) e dei carboidrati (zuccheri) che consente di scegliere l’alimentazione più in linea con le proprie caratteristiche genetiche e quindi rendere più efficace la dieta per raggiungere e mantenere il peso forma più facilmente.



TEST CELIACHIA


La celiachia è una intolleranza permanente immunomediata scatenata dall’ingestione di glutine. In soggetti geneticamente predisposti determina un processo infiammatorio nell’intestino tenue con conseguente malassorbimento e manifestazioni extraintestinali. Nella ricerca della predisposizione alla malattia il test evidenzia la presenza degli alleli sottoelencati:
HLA-DQA1*05
HLA-DQB1*02
HLA-DRB1*0301
Presenza dell’eterodimero DQ2.
Il DQB1*02 è presente in eterozigosi.
Genotipo DRDR3-DQ2/DRX.
La presenza di tale condizione è indicativa di suscettibilità alla celiachia e non implica lo sviluppo della malattia, la cui diagnosi deve essere verificata mediante test sierologici e diagnosi clinica.



TEST INTOLLERANZA AL LATTOSIO


L’intolleranza al lattosio, detta ipolattasia primaria, è la ridotta capacità di digerire questo zucchero a causa di un calo nella produzione dell’enzima lattasi dopo l’infanzia. La riduzione dell’attività lattasica che si ha durante l’accrescimento è comune e non va confusa con la deficienza congenita di lattasi (alattasia), un disordine estremamente raro che porta alla completa assenza di espressione della lattasi e quindi all’incapacità, da parte del neonato, di metabolizzare il lattosio presente nel latte materno o artificiale con conseguente diarrea grave. La carenza di lattasi acquisita, detta ipolattasia secondaria, è invece un fenomeno transitorio essendo provocata dal danneggiamento della mucosa intestinale da parte di processi infettivi, allergici o infiammatori come gastroenteriti, morbo di Crohn, celiachia, radiazioni e deficit immunologici, oppure condizioni post-chirurgiche, come la sindrome dell’ansa stagnante. Tale carenza secondaria si risolve quando la malattia di fondo viene curata e con la guarigione della mucosa si ripristina la produzione dell’enzima a livello dei villi intestinali.
Il metodo con test genetico evidenzia la presenza dei polimorfismi -13910 T/C e -22018 A/G del gene della lattasi (LCT) e pertanto la predisposizione alla intolleranza al lattosio.



TEST DELLE ALLERGIE ALIMENTARI IG-G MEDIATE


E’ un test eseguito mediante il dosaggio nel sangue delle IgG, cioè delle immunoglobuline che l’organismo produce contro antigeni alimentari.



TEST DI BIORISONANZA/REATTIVITA’ DELLE INTOLLERANZE ALIMENTARI


E’ un test di tipo bioenergetico mediante il quale si valuta la modalità di risposta dell’organismo quando viene testato con le frequenze di vari alimenti mandate in scansione successiva da una sofisticatissima apparecchiatura denominata SCIO. I dati che risultano da questa analisi danno un quadro molto accurato circa le “vere intolleranze” e le cosiddette “intolleranze da accumulo”, permettendo strategie terapeutiche diverse in funzione di tale differenza. Inoltre mediante la valutazione di altri parametri bioenergetici è spesso in grado di correlare le intolleranze alimentari con le cause che le hanno determinate (fattori psicoemozionali, squilibri bioenergetici, ecc.) mettendo le basi per un controllo “a monte” dei disturbi ad esse correlati.



ANALISI MINERALE DEL CAPELLO (MINERALOGRAMMA)


E’ un’indagine di laboratorio che permette di rilevare con precisione i livelli dei minerali essenziali alla salute, alcuni elementi traccia e i principali metalli tossici depositati nell’organismo. La lettura del mineralogramma va fatta nell’ottica di un’azione sinergica dei nutrienti. Anche se i minerali rappresentano circa il 4%  della composizione corporea hanno un’importanza fondamentale quali parti di enzimi, regolatori dei segnali intracellulari, costituenti dei tessuti, nell’influenza sull’asse ormonale e sul sistema nervoso autonomo. Secondo recentissimi studi in campo nutrizionale, dallo studio dei rapporti dei minerali si può stabilire la velocità di ossidazione di un soggetto e la dominanza Simpatica o Parasimpatica del Sistema Neurovegetativo e identificare una sottoclassificazione di tipologia metabolica.



TEST DI REATTIVITA’ AI MICRORGANISMI


E’ un test analitico studiato per rilevare microrganismi (funghi, muffe e lieviti) presenti nel sangue umano attraverso la determinazione degli anticorpi IgG (Immunoglobuline di tipo G). I risultati sono espressi su una scala di 6 livelli di reattività (0-5) corrispondenti a gradi crescenti di microrganismi nel sangue.



 
Studio Medico Specialistico - Corso Alberto Amedeo n° 176 Palermo - Corso Umberto e Margherita n° 58 Termini Imerese (Pa)
Torna ai contenuti | Torna al menu